Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: 1623 - 1685
Tra i più illuminati arcipreti dei secoli passati un posto particolare spetta a don Francesco Piccinno (1623-1685), quarto arciprete di rito latino nel 1656, studioso di teologia, di diritto canonico e civile, di scienze matematiche, fisiche e astronomiche. Succeduto come arciprete a soli 33 anni, a don Giovanni Antonio Alessandrì, era figliodi Giovanni Paulo Piccinno, sindaco di Maglie nel 1631, e di Maria Portaluri. Nel 1666 donò molti suoi libri per una libraria pubblica (la prima aperta al pubblico in Puglia) collocata inizialmente nella grande stanza superiore alla sacrestia della collegiata di Maglie.
Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati