Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_zoocart, Componente non trovato

Periodo: '900

I fratelli Piccino. Famiglia di ebanisti, famosi costruttori di mobili che realizzavano, con abilità, in tutti gli stili. Luigi Piccino, fondatore dell'industria, educò in questa nobile arte i suoi giovanissimi figli: Ernesto, Adolfo, Luigi, Niccolò, Romeo e Giuseppe. Adolfo, il più bravo dei fratelli, era detto "il mago del tornio". Fra i loro clienti, la Regina Margherita che, nel 1911, acquistò mobili per il suo castello di Stupinigi e Papa Benedetto XIV che arredò, nel 1916, il suo studio personale. Il loro stabilimento a Maglie era una mostra permanente, di sessantotto stanze, ed avevano alle loro dipendenze ben settanta operai. Proprio recentemente, sono stati ricordati a Maglie i fratelli Piccino con l'arrivo in città, direttamente dall'Archivio Centrale dello Stato, di una tarsia del 1914, omaggio della ditta Piccino a Sua Maestà Vittorio Emanuele III, dal quale vennero ricevuti in udienza privata al Quirinale il 13 giugno 1914. E non solo i Savoia ammiravano l'arte dei Piccino, ma moltissimi altri illustri committenti, tanto che i Piccino ricevettero un incredibile numero di medaglie, riconoscimenti e onorificenze in tutto il mondo.

Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati